Restituita al quartiere
Piazza G. Rizzolio
Cornigliano Ligure

ilCorniglianeseNewsRiqualificazione

Giovedì 9 novembre us, alla presenza di cittadini e autorità, è stata restituita al quartiere una piazza intitolata ad un giovane martire partigiano. Il restyling, avvenuto a cura e spese  (€ 500000,00) di Società Per Cornigliano, l’ha finalmente liberata dalla sosta selvaggia della Polizia di Stato e dalle ambulanze della Pubblica assistenza Croce Bianca concedendo loro uno spazio retrostante la piazza.  Ai corniglianesi, grandi e piccoli, che ne usufruiranno, il dovere civico di rispettarla; all’Amministrazione l’obbligo di manutenerla nel tempo.

Ma chi era Giacinto Rizzolio? Nato a Cornigliano Ligure il 29/04/1919 fucilato dai nazifascisti a Genova il 29/07/1944.

Di professione operaio, lavorava presso il reparto stampi dello stabilimento San Giorgio di Sestri Ponente (GE). Prestò servizio militare come sommergibilista nella Regia Marina e nel 1942 fu decorato con la medaglia d’argento al valor militare. Dopo l’armistizio aderì al Partito Comunista Italiano e partecipò alla guerra partigiana divenendo comandante di uno dei Gruppi di Azione Patriottica (GAP) operanti a Genova.

Secondo le indagini della polizia politica della questura di Genova era stato proprio Rizzolio a sparare tre colpi di pistola alla schiena del maggiore Diego Palumbo mentre si trovava seduto al bar “Dogali” di via Cantore l’11 aprile 1944. Il 1º luglio 1944 insieme a Riccardo Masnata prese parte all’agguato in via Dattilo a Sampierdarena contro Antonio Baffigo e Antonio Bruzzone due militi della Guardia Nazionale Repubblicana. Baffigo fu fulminato mentre Bruzzone pur riuscendo a rispondere al fuoco mettendo in fuga gli attentatori fu comunque ferito a morte.[2]

Tradito dalla spiata del partigiano Mario Cassurino[, il 20 luglio 1944 venne catturato dalla Squadra Politica della questura mentre si trovava a Cornigliano. Viene così imprigionato all’interno dell’edificio della questura genovese. Sommariamente processato dal tribunale straordinario fascista tra le 3 e le 4 del mattino del 29 luglio 1944, Giacinto Rizzolio viene condannato a morte per l’omicidio di Baffigo e Bruzzone. Insieme a Rizzolio furono condannati a morte Aleandro Longhi, Goffredo Villa, Mario Cassurino e Balilla Grillotti i quali alle ore 5 dello stesso giorno, furono fucilati a Forte San Giuliano da un plotone composto da militi delle Brigate Nere.

(fonte wikipedia)

Ti può interessare

Inizia il corso di genovese della
Pro Loco Cornigliano
“L’è de badda”
Inaugurazione Piazza Rizzolio
9 novembre 11,30

Autore

Da Leggere

Menu